Grazie a tutti, ci vediamo nel 2022

News

Ci siamo presi un po’ di tempo per rimettere in ordine i pensieri e fare un bilancio della 2° Baja del Vermentino – Terre di Gallura, che abbiamo avuto l’onore di ospitare nel week end del 9-10 aprile. Abbiamo creduto tanto in questo appuntamento fin dall’inizio. Organizzare una prova di campionato italiano non è mai semplice ma la Rassinaby Racing ha deciso di sposare il nuovo progetto di Aci Sport di organizzare un campionato Cross Country Rally e Side By Side come evento unico e non più in coda ai rally.

Abbiamo messo tutto il nostro impegno e le nostre professionalità per organizzare una vera Baja, di quelle difficili e affascinanti. Abbiamo scandagliato il nostro territorio e le sue bellezze per regalare agli equipaggi una due giorni indimenticabile in Sardegna, unendo un percorso selettivo a un ambiente unico in Europa. Il percorso si è sviluppato su 235.02 Km di cui 138.70 di Settori Selettivi. La gara ha preso il via con la 1^ vettura alle ore 8.00 di Sabato 10 Aprile 2021 da Viale Roma nel Comune di Calangianus.
L’allestimento del percorso è stato fatto così come previsto dalle norme sportive nazionali e nel rispetto di tutte le prescrizioni imposte dalle Autorità competenti, come descritto nel Safety Book.
La Direzione Gara era collegata via Radio con tutti i Commissari di Percorso presenti sulle S.S. e con le Vetture Apripista. Tutte le vetture da Gara, le vetture di servizio ed i mezzi di soccorso erano equipaggiati con il sistema Tracking.

I mezzi in dotazione durante la gara sono stati diversi. Tra questi 6 Ambulanze di Rianimazione così suddivise:
1 Ambulanza posizionata allo start delle PS, 3 Ambulanze posizionate nelle postazioni “Intermedio” delle PS, 1 Ambulanza Jolly posizionata allo Stop della S.S. e 1 Ambulanza nel Parco Assistenza.

Tra i mezzi in dotazione anche 2 Carri Attrezzi, 4 Mezzi Veloci, 85 (circa) Ufficiali di Gara per i 2 giorni di Gara e 30 cronometristi, 90 radio organizzazione e 1 Mezzo Antincendio zona Refuelling.

Un importante dispiegamento di forze frutto del lavoro della nostra associazione, lungo e continuo, nonostante tutte le difficoltà di mettere su una competizione così importanti durante una pandemia mondiale, osservando scrupolosamente tutte le limitazioni del caso.

Ci siamo dotati di professionalità anche esterne all’associazione per fare un ulteriore percorso di crescita e non lasciare nulla al caso. Abbiamo stretto accordi con tutti i principali vettori dei trasporti, come Sardinia Ferries e Grimaldi, per garantire a tutti coloro sono venuti in Sardegna, di farlo a condizioni vantaggiose sia che fossero equipaggi, team, giornalisti e fotografi.

Tutto questo per dire che la Rassinaby Racing ha fatto il massimo, con una mole di lavoro enorme sviluppata in questi mesi, spinti solamente dalla pura passione per il Motorsport. Non nascondiamo che alcune polemiche, per la verità poche, ci hanno amareggiato. Soprattutto perché siamo ben consci di quello che abbiamo smosso per mettere su una manifestazione così importante in un periodo particolare come quello che stiamo vivendo. Abbiamo sposato un progetto praticamente a occhi chiusi perché, vista la possibilità di iscriversi fino a una settimana prima della gara, a 10 giorni dalla partenza avevamo solamente 4 equipaggi ufficialmente iscritti. La Rassinaby Racing ha lavorato mesi per mettere su la manifestazione in un clima di incertezza, visti appunto i numeri a pochi giorni dalla gara. Alla fine sono stati 34° gli equipaggi iscritti. Un numero sicuramente discreto ma non eccezionale.

Noi fin dal primo anno che abbiamo organizzato la Baja del Vermentino, ci siamo interfacciati direttamente con gli equipaggi chiedendo loro che tipo di gara avrebbero voluto, visto che all’epoca si correva in coda ai rally e gioco forza il percorso era quello per tutti.

Approfittiamo di queste righe per rivolgere un ringraziamento a tutti coloro, e sono tanti, che hanno fatto delle critiche costruttive. Non abbiamo mai avuto la presunzione di essere perfetti. Sicuramente avremo commesso qualche errore, sicuramente possiamo ancora migliorare e i suggerimenti ricevuti in buona fede ci hanno fatto enormemente piacere. Questo è lo spirito che ci aspettiamo sempre dagli equipaggi che vengono a correre le nostre gare.

La Sardegna, e soprattutto la nostra zona tra Logudoro e Gallura, offre la possibilità di creare percorsi lunghi, tecnici, difficili, appassionanti. Non ci spaventa l’idea, in futuro, di disegnare una Baja con un chilometraggio importante. Quello che ci spaventa è l’incertezza sui numeri che regna fino a pochi giorni dalla partenza. E capite che lavorare con l’incertezza del numero degli iscritti è una spada di Damocle che alla fine condiziona un po’ tutto.

Si è sempre parlato delle difficoltà logistiche di una trasferta in Sardegna ma grazie agli accordi stretti con i principali vettori navali citati poc’anzi, abbiamo sfatato anche questa leggenda. Venire a correre in Sardegna, a livello di costi, non è molto diverso che andare a correre in qualsiasi altro posto d’Italia.

Noi siamo pronti a fare la nostra parte. Come organizzatori, come appassionati e come amanti del Motorsport. Siamo pronti a continuare questo cammino con la Baja del Vermentino anche in futuro, a patto di avere la certezza che il nostro lavoro non vada poi sminuito o “sprecato”. Siamo da 20 anni nel mondo dei motori e dal lontano 2002 organizziamo il Rally del Vermentino, che ormai in tanti conoscono. Possiamo dirlo senza peccare di superbia, che non siamo gli ultimi arrivati in fatti di organizzare gare. Questa edizione 2021 è stato un punto di partenza. Abbiamo messo il primo mattoncino e vorremmo crescere, alzando l’asticella.

Una delle cose che più ci dispiace è non avervi fatto vivere totalmente l’essenza della Rassinaby Racing. Per via delle restrizioni si è dovuta mettere da parte la convivialità che da sempre anima il week end di gara. Il poter condividere insieme un momento come il pranzo in mensa o la cena post gara ci è mancato immensamente. Perché alla fine di tutto, quando si spengono i motori, è davanti a un tavolo imbandito e a un bicchiere di vino che si costruiscono i rapporti di amicizia, quelli che durano nel tempo e che resistono alla distanza e al fatto di vedersi pochi giorni all’anno.

Speriamo presto di poter rivivere anche tutto questo, con la stessa passione di sempre, nata nel lontano 2002 e dopo quasi vent’anni più viva che mai.

A.S.D. Rassinaby Racing

 

Menu